Il primo concerto del 2020 di Emilia Romagna Festival al Teatro Stignani di Imola porta in scena uno dei più grandi pianisti contemporanei, Martin Kasik, sabato 11 gennaio (ore 21).

Il pianista praghese sarà il protagonista di un recital con musiche degli autori cechi Martinů e Janáček. L’artista eseguirà anche i celebri Quadri di un’esposizione di Modest Musorgskij.

Martin Kasík, uno dei più apprezzati pianisti al mondo, dotato di una capacità tecnica assoluta, di una incredibile fluidità, e di una grande espressività e intelligenza, ricorda la pulizia tecnica dei migliori virtuosi dello strumento.

Vincitore di numerosi concorsi nazionali e internazionali, si è esibito sia con grandi orchestre che come solista, sempre conservando la stessa capacità di ammutolire lo spettatore. Ha lavorato con la Czech Philharmonic Orchestra e la Prague Symphony Orchestra, che ha accompagnato in tournée per gli Stati Uniti ed il Giappone, mentre si è esibito come solista con la Chicago Symphony Orchestra, la Deutsches Symphonie Orchester Berlin, la Rotterdam Philharmonic Orchestra, la Helsinki Philharmonic Orchestra e tante altre, diretto da grandi direttori tra cui Pinchas Zukerman, Marin Alsop, Yakov Kreizberg, e Ken-Ichiro Kobayashi.