Sarà possibile seguire, gratuitamente, in diretta in streaming e on demand (per le successive 48 ore) il concerto inaugurale della XX edizione di Emilia Romagna Festival, su questo sito (link in homepage) o sul sito di italiafestival.tv, sia dall’Italia sia dall’estero, grazie alla collaborazione con il Ministero degli Esteri e con l’associazione ItaliaFestival.

Un’occasione per poter ascoltare un programma unico nel segno dei numi tutelari, dei sodalizi d’eccellenza e di vere amicizie che il festival è riuscito a costruire nei suoi primi vent’anni di vita.

Sul palco dell’Arena di San Domenico di Forlì, domenica 26 luglio (ore 21.30), un’orchestra da camera di fama internazionale, i Solisti Veneti, diretti dal maestro Giuliano Carella, insieme al flauto di Massimo Mercelli interpreteranno brani di Giuseppe Tartini, Gioachino Rossini, Ottorino Respighi, Ennio Morricone e Michael Nyman in prima esecuzione italiana.

Il fil rouge di questa edizione sarà la traccia che i grandi compositori hanno lasciato durante tutti questi anni nel festival, rendendolo un punto di incontro riconosciuto in ambito internazionale attraverso l’interpretazione e la scrittura di brani dedicati. Per il concerto inaugurale sarà chiuso un cerchio immaginario, che raccoglie metaforicamente tutto ciò che è successo in questi due decenni di festival.

Vent’anni fa segnava il battesimo di ERF la composizione originale di Giovanni Sollima Contrafactus, brano che ebbe un’eco notevole, incontro sonoro e concettuale di istinto barocco ispirato a Escher e Bach; quest’anno a segnare il ventennale, un brano dell’indimenticabile Ennio Morricone, una composizione dove barocco e atmosfera respirano assieme: Notturno Passacaglia, dedicato a Massimo Mercelli e Darko Brlek per i 60 anni della European Festival Association, è un breve esercizio di stile dove la base antica, la Passacaglia, sposa la musica a programma del Genio, con un risultato “cinematografico”. Per l’occasione il clarinettista sloveno, anche direttore artistico del Festival Ljubljana, si unirà a Mercelli nell’esecuzione del pezzo.

Al centro del programma della serata, anche il brano del compositore Michael Nyman, il cui nome risuona nella cinematografia mondiale e fra gli Oscar per colonne sonore. Per l’amico Mercelli, il compositore e pianista inglese aveva avviato la creazione di un Concerto, il secondo concepito per il festival, presentato alla Scala nel 2019 in una prima stesura. In prima italiana il Concerto giunge per questa inaugurazione in forma compiuta, e con una nuova dedica. Le strade di Londra e le vie del successo hanno segnato in passato l’incontro fra Nyman e Ezio Bosso, Maestro di cui oggi questo Concerto vuole celebrare il primo anno di una vita immortale.

Chiudono il programma due pezzi di Giuseppe Tartini, di cui quest’anno il Festival ricorda i 250 anni dalla morte; la Terza sonata in do maggiore per archi di Rossini, frutto del precoce talento del compositore pesarese nei primi anni dell’800; e la  Terza suite tratta dalle Antiche Danze ed Arie di Respighi.

 

 

Scarica gratuitamente la App del festival su App Store o Google Play Store

 

Programma e Info